Eventi a Bologna con il Progetto Mambo

Bologna Festival 2010

Musica classica concerti eventi: Bologna Festival 2010
SCHEDA
Zona:
Telefono:
Bologna Festival tel. 051 6493397
Telefono:
Biglietteria Emporio della Cultura tel. 051 273501
Email:

Al via la ventinovesima edizione.

Grandi orchestre e grandi direttori, ensemble cameristici formati da solisti d'eccezione, sono le presenze artistiche della 29ª edizione di Bologna Festival: l'Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo, l'Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia, la Seoul Philharmonic Orchestra. Yuri Temirkanov, Antonio Pappano, Myung-Whun Chung e poi Marc Minkowski con Les Musiciens du Louvre, Philippe Herreweghe con l'Orchestre des Champs-Elysées. Martha Argerich suona con un qualificato quartetto d'archi, Gidon Kremer in duo con Krystian Zimerman.

Tra i solisti, in recital o insieme all'orchestra, le violiniste Viviane Hagner e Isabelle Faust, i pianisti Grigory Sokolov, Alexander Lonquich, Paul Lewis, Roustem Saïtkoulov, Pietro De Maria. Jordi Savall è protagonista di un progetto di musica barocca dedicato alla viola da gamba.

Il festival si articola nelle sue tre sezioni, Grandi Interpreti (14 marzo - 23 novembre), Talenti (31 marzo - 26 maggio), Il Nuovo l'Antico (27 settembre - 9 novembre), proponendo opere del grande repertorio sinfonico e cameristico classico-romantico, con un omaggio a Robert Schumann nella ricorrenza del secondo centenario della nascita.

Nei programmi figurano anche compositori del Novecento e il contemporaneo György Ligeti che insieme a Béla Bartók fissa le coordinate del percorso nella musica d'oggi tracciato per questa edizione. La sezione di musica antica focalizza la produzione per uno strumento di tradizione virtuosistica come la viola da gamba. Sono occasioni per ascoltare le musiche di Sainte-Colombe, Marin Marais e Johann Sebastian Bach, nelle penetranti interpretazioni di Jordi Savall.

GRANDI INTERPRETI

Il concerto inaugurale della 29ª edizione del festival, 14 marzo ore 20.30 al Teatro Manzoni, vede impegnati Antonio Pappano e l'Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia in un programma che accosta Haydn a Bartók: il Concerto per tromba, solista Omar Tomasoni, la Sinfonia n.104 "London" e la suggestiva quanto innovativa Musica per archi, percussioni e celesta. Tra i capolavori della musica del Novecento, quest'ultimo brano è anche il punto di partenza del progetto Bartók-Ligeti che si sviluppa nell'arco dei cinque concerti programmati in autunno.

Il 17 marzo torna ospite di Bologna Festival, dopo dieci anni, Yuri Temirkanov con la sua Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo. In programma musiche russe di grande popolarità: la Sinfonia n. 6 "Patetica" di Čajkovskij e il Concerto n.2 per pianoforte e orchestra di Rachmaninov, solista il giovane pianista russo Roustem Saïtkoulov, che alla facilità tecnica unisce una originale vena interpretativa.

Il terzo appuntamento sinfonico è con l'Orchestre des Champs-Elysées che insieme al suo direttore musicale Philippe Herreweghe e al pianista Alexander Lonquich impagina un programma dedicato a Schumann: la Sinfonia n.4 e il Concerto in la minore op.54 per pianoforte e orchestra.

Di taglio monografico anche il programma diretto il 23 maggio da Marc Minkowski con Les Musiciens du Louvre, che propone l'integrale dei Concerti Brandeburghesi di Bach.

Quinto appuntamento sinfonico il 31 maggio con Myung-Whun Chung e la imponente Seoul Philharmonic Orchestra, di cui è direttore musicale da alcuni anni: un programma francese (Debussy, Ravel, Messiaen) che incastona quel Concerto per violino scritto nel 2002 dalla compositrice coreana Unsuk Chin per la violinista Viviane Hagner, che lo esegue in questa occasione.

Di rilievo, i due appuntamenti cameristici che completano la programmazione dedicata ai grandi interpreti: il 20 maggio Martha Argerich (nella foto) e il quartetto d'archi formato dalle violiniste Sonig Tchakerian e Gabrielle Shek, dalla violista Lyda Chen Argerich e dal violoncellista Enrico Bronzi, eseguono musiche di Schumann; il 23 novembre Gidon Kremer e Krystian Zimerman propongono le ultime tre Sonate per violino e pianoforte di Beethoven, a chiusura della stagione 2010.

I due recital solistici vedono al pianoforte Grigory Sokolov - che esegue Schumann, Bach e il poco frequentato Brahms delle Fantasie op.116 - e il giovane Paul Lewis, «il più penetrante allievo di Alfred Brendel» spiega il direttore artistico Mario Messinis, che trascorre dai classici al virtuosismo romantico, affiancando Mozart e Beethoven a Schumann e Liszt.

TALENTI

Cinque concerti da Bach a Boulez. La rassegna Talenti, propone cinque concerti cameristici con interpreti dell'ultima generazione, per lo più mai ascoltati a Bologna. Si inizia il 31 marzo con il pianista francese David Fray, che deve la sua formazione musicale a Paul Badura-Skoda, Christoph Eschenbach e Pierre Boulez, e che si è esibito in Italia sotto la direzione di Riccardo Muti. Il suo programma spazia da Bach a Boulez.

Antonio Di Dedda, diciottenne vincitore del Premio Venezia 2009, suona L'isle joyeuse e alcuni Preludi di Debussy, la Fantasia cromatica e fuga di Bach e le impegnative venticinque Variazioni e fuga sopra un tema di Händel di Brahms.

Giovanissimo anche il violinista Davide De Ascaniis che accosta la virtuosistica Sonata per violino solo di Ysaÿe a pagine di Beethoven e Brahms per violino e pianoforte.

Realizzato in collaborazione con il Centre de Musique Romantique Française - Palazzetto Bru Zane, il concerto del trio francese Stéphanie-Marie Degand / Raphaël Chrétien / Olivier Peyrebrune evoca l'intimismo lirico di Chausson e Lalo, mentre il giovane mezzosoprano Martina Belli, accompagnata dal pianista Pierpaolo Maurizzi e dalla violista Olga Arzilli, costruisce un raffinato Liederabend con Schumann, Brahms e Mahler.

Anche quest'anno, raccogliendo le preferenze degli ascoltatori, Bologna Festival assegnerà il "Premio del Pubblico" al miglior interprete della rassegna, un'iniziativa che per il vincitore prevede la pubblicazione di un CD e per tutti la pubblicazione online del loro concerto.

IL NUOVO L'ANTICO

Bartók-Ligeti - Tous les Matins du Monde. Il Nuovo l'Antico si svolge tra il 27 settembre e il 9 novembre, con otto concerti divisi tra musica antica e musica contemporanea. «La sezione contemporanea - spiega il direttore artistico Mario Messinis - è dedicata a Bartók e Ligeti. È un progetto pensato prevalentemente in senso tripartito: testi fondamentali del grande compositore ungherese recentemente scomparso figurano accanto al referente culturale, Béla Bartók, e ad un autore romantico, come rapporto con la storia».

Così la celebre violinista tedesca Isabelle Faust esegue la Sonata per violino solo di Bartók accanto ai Trii per corno, violino e pianoforte di Ligeti e di Brahms, in un concerto realizzato in coproduzione con il Centro San Domenico.

Pietro De Maria approfondisce le correlazioni tra gli Studi di Ligeti e di Debussy, di Bartók e di Chopin.

Il Quatuor Ardeo, "Premio del Pubblico" al Bologna Festival 2009, esegue Bartók, Ligeti e Beethoven, mentre il pianista polacco Jakub Tchorzewski oltre a Ligeti e a Bartók presenta alcune composizioni dell'ungherese Sándor Veress, maestro dello stesso Ligeti.

Il Face Quartet, ensemble di percussioni e due pianoforte, esegue uno dei capolavori strumentali di Ligeti, Monument, Selbstportrait, Bewegung, tre pezzi per due pianoforti accostati al Bartók della Sonata per due pianoforti e percussione e al Brahms delle Variazioni su un tema di Haydn op.56b nella versione per due pianoforti.

La sezione dell'Antico si caratterizza per la presenza di un rinomato gambista qual è Jordi Savall. Al repertorio barocco per viola da gamba sono dedicati i due concerti programmati l'8 e il 9 novembre. Completano il progetto un incontro con il pubblico (9 novembre ore 11) e la proiezione del film Tous les matins du monde (7 novembre ore 18), realizzata in collaborazione con la Cineteca di Bologna. Nel 1991 il regista Alain Corneau scelse proprio Savall quale curatore ed esecutore delle musiche della colonna sonora.

Il consueto appuntamento di Palazzo Albergati, riservato a sponsor e soci di Bologna Festival, è occasione per ascoltare i Trii per pianoforte, flauto e violoncello di Haydn e Weber, pagine sospese tra classicismo e Biedermeier.

Prosegue la programmazione dedicata ai giovani che l'Associazione Bologna Festival realizza già da alcuni anni. Due distinti progetti, da novembre a maggio, per un totale di circa 40 appuntamenti: Note sul registro percorsi di formazione all'ascolto rivolti alle scuole materne, elementari, medie e superiori e Baby BoFe', festival di musica classica pensato per i bambini dai 3 agli 11 anni.

BOLOGNA FESTIVAL 2010

GRANDI INTERPRETI
Teatro Manzoni

Domenica 14 marzo ore 20.30: Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia
Antonio Pappano direttore
Omar Tomasoni tromba

Franz Joseph Haydn Concerto in mi bemolle maggiore per tromba e orchestra Hob.VIIe:1

Béla Bartók Musica per archi, percussione e celesta

Franz Joseph Haydn Sinfonia n.104 in re maggiore Hob.I:104 "London"

 

Mercoledì 17 marzo ore 20.30: Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo
Yuri Temirkanov
direttore
Roustem Saïtkoulov pianoforte

Sergej Rachmaninov Concerto n.2 in do minore per pianoforte e orchestra op.18

Pëtr Ill'ič Čajkovskij Sinfonia n.6 in si minore op.74 "Patetica"

Domenica 18 aprile ore 20.30: Paul Lewis pianoforte

Wolfgang Amadeus Mozart Adagio in si minore K.540

Robert Schumann Fantasia in do maggiore op.17

Franz Liszt Vallée d'Obermann

Ludwig van Beethoven Sonata in do maggiore op.53 "Waldstein"

Lunedì 3 maggio ore 20.30: Orchestre des Champs-Elysées
Philippe Herreweghe direttore
Alexander Lonquich pianoforte

Robert Schumann Concerto in la minore per pianoforte e orchestra op.54

Robert Schumann Sinfonia n.4 in re minore op.120


Mercoledì 12 maggio ore 20.30: Grigory Sokolov pianoforte

Johann Sebastian Bach Partita n.2 in do minore BWV 826

Johannes Brahms Sette Fantasie op.116

Robert Schumann Sonata in fa minore op.14 "Concert sans orchestre"


Giovedì 20 maggio ore 20.30
Martha Argerich pianoforte
Sonig Tchakerian violino
Gabrielle Shek violino
Lyda Chen viola
Enrico Bronzi violoncello

Robert Schumann
Fünf Stücke im Volkston per violoncello e pianoforte op.102
Sonata in re minore per violino e pianoforte op.121 "Grosse Sonate"
Märchenbilder per viola e pianoforte op.113
Quintetto in mi bemolle maggiore op.44


Domenica 23 maggio ore 20.30: Les Musiciens du Louvre
Marc Minkowski
direttore

Johann Sebastian Bach
Sei Concerti Brandeburghesi
Concerto n.1 in fa maggiore BWV 1046
Concerto n.2 in fa maggiore BWV 1047
Concerto n.3 in sol maggiore BWV 1048
Concerto n.4 in sol maggiore BWV 1049
Concerto n.5 in re maggiore BWV 1050
Concerto n.6 in si bemolle maggiore BWV 1051


Lunedì 31 maggio ore 20.30: Seoul Philharmonic Orchestra
Myung-Whun Chung direttore
Viviane Hagner violino

Claude Debussy La mer

Unsuk Chin Concerto per violino e orchestra (2002)

Olivier Messiaen Les offrandes oubliées

Maurice Ravel La valse

Martedì 23 novembre ore 20.30: Gidon Kremer violino e Krystian Zimerman pianoforte

Ludwig van Beethoven Sonata in sol maggiore op.30 n.3 per violino e pianoforte

Ludwig van Beethoven Sonata in la maggiore op.47 "Kreutzer" per violino e pianoforte

Ludwig van Beethoven Sonata in sol maggiore op.96 per violino e pianoforte

(in doppio abbonamento con Il Nuovo l'Antico)

 

TALENTI
Oratorio San Filippo Neri

Mercoledì 31 marzo ore 20.30: David Fray pianoforte

Franz Schubert
Allegretto in do minore D.915
Klavierstück n.2 in mi bemolle maggiore D.946
Moments musicaux op.94 D.780

Pierre Boulez Notations

Johann Sebastian Bach Partita n.6 in mi minore BWV 830


Venerdì 9 aprile ore 20.30: Davide de Ascaniis violino e Daniele Rinaldo pianoforte

Eugène Ysaÿe
Sonata n.3 in re minore op.27 "Ballade" per violino solo

Ludwig van Beethoven
Sonata in do minore op.30 n.2 per violino e pianoforte

Johannes Brahms Sonata n.1 in sol maggiore op.78 per violino e pianoforte


Mercoledì 28 aprile ore 20.30: Stéphanie-Marie Degand violino, Raphaël Chrétien violoncello
e Olivier Peyrebrune pianoforte

Ernest Chausson Trio in sol minore op.3

Édouard Lalo Trio in la minore op.26

Giovedì 6 maggio ore 20.30: Antonio Di Dedda pianoforte - Premio Venezia 2009

Johann Sebastian Bach Fantasia cromatica e fuga in re minore BWV 903

Johannes Brahms Venticinque variazioni e fuga sopra un tema di Händel op.24

Claude Debussy
Hommage à S. Pickwick Esq. P.P.M.P.C., Canope,
Les tierces alternées, Feux d'artifice
dai Préludes livre II

Claude Debussy L'isle joyeuse


Mercoledì 26 maggio ore 20.30: Martina Belli mezzosoprano, Pierpaolo Maurizzi pianoforte e Olga Arzilli viola

Gustav Mahler Kindertotenlieder per voce e pianoforte

Robert Schumann Frauenliebe und Leben op.42 per voce e pianoforte

Johannes Brahms Zwei Gesänge op.91 per voce, viola e pianoforte

 

PALAZZO ALBERGATI

Lunedì 7 giugno - concerto riservato ai sostenitori di Bologna Festival
Giulio Giannelli Viscardi flauto, Giuseppe Barutti violoncello ed Elisabetta Bocchese pianoforte

Le grazie del salotto

Franz Joseph Haydn Trio in re maggiore per pianoforte, flauto e violoncello Hob.XV:16

Carl Maria von Weber Trio in sol minore per pianoforte, flauto e violoncello op.63


IL NUOVO L'ANTICO

Bartók - Ligeti I
Lunedì 27 settembre - Oratorio San Filippo Neri: Pietro De Maria pianoforte

Claude Debussy Étude pour les degrés chromatiques (Livre II, 1)
György Ligeti Étude n.8 Fem
Claude Debussy Étude pour les agréments (Livre II, 2)
György Ligeti Étude n.5 Arc-en-ciel
Claude Debussy Étude pour les notes répétées (Livre II, 3)
György Ligeti Étude n.6 Automne à Varsovie
Claude Debussy Étude pour les sonoritées opposées ( Livre II, 4)
György Ligeti Étude n.10 Der Zauberlehrling
Claude Debussy Étude pour les arpèges composés (Livre II,5)
György Ligeti Étude n.2 Corde à vide
Claude Debussy Étude pour les accords (Livre II, 6)

Béla Bartók
Seste e Triadi (Mikrokosmos vol. III, n.73)
Terze alternate ( Mikrokosmos vol. V, n.129)
Quarte (Mikrokosmos vol. V, n.131)
Seconde minori, Settime maggiori (Mikrokosmos vol. VI, n.144)

Fryderyk Chopin Dodici Studi op.25


Bartók - Ligeti II
Mercoledì 6 ottobre ore 20.30 - Oratorio San Filippo Neri: Jakub Tchorzewski pianoforte

Sándor Veress Piccola suite, Danza di reclutamento di Nógrádi e Sonata

György Ligeti Musica ricercata

Béla Bartók All'aria aperta


Bartók - Ligeti III
Mercoledì 13 ottobre ore 20.30 - Oratorio San Filippo Neri: Face Quartet
Clorinda Perfetto, Angela Oliviero pianoforti
Filippo Gianfriddo, Emiliano Rossi percussioni

Johannes Brahms
Variazioni su un tema di Haydn per 2 pianoforti op.56b

György Ligeti
Monument, Selbstportrait mit Reich und Riley (und Chopin ist auch dabei),
In zart fliessender Bewegung tre pezzi per due pianoforti

Béla BartókSonata per due pianoforti e percussione


Bartók - Ligeti IV
Martedì 19 ottobre ore 20.30 - Biblioteca del Convento San Domenico

Isabelle Faust violino, Teunis van der Zwart corno e Alexander Melnikov pianoforte

Béla Bartók Sonata per violino solo

György Ligeti
Trio per violino, corno e pianoforte

Johannes Brahms
Trio in mi bemolle maggiore per violino, corno e pianoforte op.40

in coproduzione con Centro San Domenico


Bartók - Ligeti V
Mercoledì 27 ottobre ore 20.30 - Oratorio San Filippo Neri: Quatuor Ardeo
Carole Petitdemange
violino
Olivia Hughes violino
Caroline Donin viola
Joëlle Martinez violoncello
Premio del Pubblico Bologna Festival 2009

Béla Bartók Quartetto per archi n.2 op.17

György Ligeti "Métamorphoses nocturnes" quartetto per archi n.1

Ludwig van Beethoven Quartetto in fa maggiore op.59 n.1 "Razumowsky"


Tous les matins du monde I
Domenica 7 novembre ore 18 Cinema Lumière - Sala Officinema/Mastroianni
Tous les matins du monde - regia di Alain Corneau
con Gérard Depardieu (Marin Marais), Guillaume Depardieu (Marin Marais giovane), Jean-Pierre Marielle (Monsieur de Saint-Colombe)

Il film di Corneau, prodotto nel 1991, ripercorre le romanzesche vite dei compositori Sainte-Colombe e Marin Marais, maestro e allievo. Jordi Savall ne ha curato ed eseguito le musiche, ottenendo il premio César per la colonna sonora.


Tous les matins du monde II
Lunedì 8 novembre ore 20.30 - Biblioteca del Convento San Domenico: Jordi Savall viola da gamba

La viola da gamba nell'età barocca
musiche di Marin Marais, Sieur de Sainte-Colombe le Père


Tous les matins du monde III
Martedì 9 novembre ore 11 - Oratorio San Filippo Neri: Incontro con Jordi Savall a ingresso libero


Tous les matins du monde IV
Martedì 9 novembre ore 20.30 - Biblioteca del Convento San Domenico: Jordi Savall viola da gamba

La viola da gamba nell'età barocca
musiche di Sieur de Sainte-Colombe le Père, Sieur de Sainte-Colombe le Fils, Johann Sebastian Bach