Eventi a Bologna con il Progetto Mambo

I Dinosauri Italiani

Mostre a Bologna: i Dinosauri Italiani Museo Capellini 5 settembre 11 gennaio 2010
SCHEDA
Zona:
Museo geologico Giovanni Capellini. Via Zamboni 63 Bologna
Apertura:
Dal 5 Settembre 2009 al 31 Gennaio 2010
Orari:
Dal Lunedì al Venerdì 9 – 13. Sabato e Domenica 10 – 18
Telefono:
051 2094555
Prezzo:
Fino a 16 anni 1 Euro; oltre i 16 anni 2 Euro

Andrew, Antonio e gli altri dinosauri...

Per festeggiare il centenario della prima esibizione dello scheletro completo di Diplodocus carnegiei il Museo Geologico Giovanni Capellini dell'Università di Bologna ospiterà presso le sue rinnovate sale la mostra "I Dinosauri italiani". Una grande esposizione che si pone l'obiettivo di riunire i più importanti e spettacolari fossili di vertebrati rinvenuti nel nostro paese e di far conoscere ai visitatori di tutte le età l'importanza e la storia dei giacimenti italiani e delle persone che li studiano.

Il Museo Capellini, vanta già di per se oltre un milione di reperti e, con i fossili esposti  in maniera permanente nelle sue sale, offre una panoramica che rappresenta un intervallo di tempo di centinaia di milioni di anni di evoluzione e trasformazioni delle forme di vita sul nostro pianeta. In occasione della mostra il museo si arricchirà di magnifici reperti provenienti da diverse parti d'Italia.

Nel grande Atrio del piano terra sono esposti i fossili provenienti dalle collezioni dei Musei di Storia Naturale di Trieste, Milano, Modena e Napoli. Oltre quaranta magnifici esemplari che rappresentano diverse regioni d'Italia offrono una chiara idea di come l'area mediterranea sia drasticamente e ciclicamente cambiata nel corso di milioni di anni. Dai grandi rettili marini vissuti 200 milioni di anni ai dinosauri rinvenuti vicino a Trieste fino agli antenati delle moderne foche e iene. Sempre al piano terra, lo spazio destinato al Sancta Sanctorum del Museo sarà interamente dedicato all'esposizione di opere di paleo-artisti: ricostruzioni, disegni, modelli e documentari realizzati dai migliori illustratori scientifici italiani.

Dall'Atrio principale, si accede al primo piano del Museo dove la visita prosegue attraverso
le ricche sale storiche. Le collezioni permanenti comprendono numerosi animali terrestri e marini: balene, elefanti, ippopotami, squali, pesci, coccodrilli, tartarughe, uccelli. Inoltre, il Museo vanta una ricchissima collezione di piante fossili, preservate sia nella loro tipica veste bidimensionale sia in forme perfettamente tridimensionali. Guest star d'eccezione Andrew (il Diplodocus carnegiei appunto): replica perfetta dello scheletro dell'imponente erbivoro del Nord America (26 metri di lunghezza per 5 di altezza al bacino), che il magnate e filantropo americano Andrew Carnegie, da cui "il bestione" prende il nome, dono' a Bologna un secolo fa.  A tenere compagnia ad Andrew ci saranno il cranio di Torvosaurus, dinosauro carnivoro trai i più grandi rinvenuti ad oggi in Italia, il celebre "Antonio" ritrovato presso il Villaggio del Pescatore ed il carnivoro Saltriosauro da Varese.

L'esposizione, realizzata in collaborazione con il Dipartimento di Scienze della Terra  e Geologico-Ambientali di Bologna e con i Musei di Storia Naturale di Milano, Napoli e Trieste si propone anche di rilanciare e promuovere sul piano internazionale il ricco patrimonio geologico e paleontologico italiano, la cui rilevanza scientifica attira ricercatori da tutto il mondo.