Eventi a Bologna con il Progetto Mambo

Gran Ballo dell'Unità d'Italia

Spettacoli di danza a Bologna: Gran Ballo dell'Unità d'Italia
SCHEDA
Zona:
Piazza Carducci - Bologna
Orari:
Sabato 26 maggio 2012 - dalle ore 19
Prezzo:
Evento gratuito

Atmosfere e balli risorgimentali rivivono in Piazza Carducci.

Sabato 26 maggio 2012 piazza Carducci torna ad essere vissuta. L'occasione di gala è la XVI edizione del Gran Ballo dell'Unità d'Italia, organizzato dall'Associazione Culturale 8cento in collaborazione con il Museo Civico del Risorgimento di Bologna e il Comitato dell'Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano, che si avvale del patrocinio del Comune di Bologna e del Quartiere Santo Stefano. Lo spettatore può fare un vero e proprio tuffo nel passato, oltre a godere della bravura degli interpreti, nella suggestiva cornice notturna del Giardino monumentale della piazza.

La manifestazione unisce cultura, memoria storica e spettacolo, con l'intenzione di rivitalizzare un angolo del centro storico, spesso dimenticato. Cade alla chiusura delle numerose celebrazioni del 150° anniversario dell'annessione di Bologna all'Italia. In realtà per la città di Bologna il percorso verso l'unità cominciò già nel giugno 1859 (con due anni di anticipo rispetto all'unificazione nazionale), sancito dall'uscita degli Austriaci dalla città in seguito alle sconfitte di Palestro e Magenta.

Quest'anno il tema conduttore anticiperà quegli eventi, ripercorrendo il più importante fatto d'armi del Risorgimento bolognese: la battaglia dell'8 agosto. Un momento glorioso nel quale popolazione sconfisse e cacciò dalla città le truppe austriache, dopo un combattimento di alcune ore culminato al giardino della Montagnola,.
Danza e battaglia saranno quindi i protagonisti dell'evento, interamente accompagnato da musiche di Gioacchino Rossini, di cui ricorre il 180° anniversario della nascita.

A partire dalle ore 19, cento danzatori in abiti storici presenteranno la ricostruzione di una Festa da Ballo dell'epoca, con Valzer, Quadriglie, Mazurke, Polke e Contraddanze secondo lo stile dei maestri di danza del tempo.

Alle danze e alle musiche di alternerà l'azione scenica di venti figuranti del Battaglione Estense e del Battaglione Garibaldino Petronio Setti, che rievocheranno i vittoriosi moti popolari del 1848, presentando alcuni episodi, riportati dalle cronache del tempo, avvenuti tra i soldati austriaci e la popolazione insorta.

La sceneggiatura, appositamente stilata per l'occasione, è stata realizata grazie a documenti messi a disposizione dall'archivio del Museo Civico del Risorgimento di Bologna.

A conclusione dell'evento, la cui direzione artistica è affidata ad Alessia Branchi, avverrà la consegna della bandiera tricolore all'autorità presente, sulle note dell'Inno di Mameli.

In concomitanza, nel pomeriggio del 26 maggio, dalle ore 17 alle 22 il Museo Civico del Risorgimento di Bologna, effettuerà un'apertura straordinaria gratuita, con servizio di visite guidate (anch'esse gratuite) alle ore 17.30 e alle ore 20.

8cento è un'Associazione Culturale fondata a Bologna il 13 dicembre 2008 e diretta dalla Dottoressa Alessia Branchi. Opera dal 2000 nella città di Bologna e Provincia con il nome di Società di Danza - Circolo Bolognese, diffondendo le danze di tradizione sociale dell'Ottocento e le Scottish Country Dances di tradizione scozzese. Rinnovandosi nel nome, nei contenuti e negli obiettivi 8cento promuove numerose attività culturali, tra cui Corsi di Danza dell'Ottocento e Scottish Country Dances, Stage di Danza storica dal Rinascimento al Barocco con esperti di settore di fama internazionale, Laboratori di Scrittura, Feste da Ballo in palazzi d'epoca, Gran Balli scozzesi ospitando maestri e musicisti scozzesi, Spettacoli di Danza e Musica Ottocentesca in palazzi, teatri, cortili e piazze cittadine. Pubblica tre volte all'anno la rivista storico-culturale Jourdelò che gode del patrocinio del Comune di Bologna.