Eventi a Bologna con il Progetto Mambo

"Pagine da un bestiario fantastico. Disegno italiano nel XX e XXI secolo."

Mostre a Bologna e regione: Pagine da un bestiario fantastico a Modena
SCHEDA
Zona:
Palazzo Santa Margherita, Corso Canalgrande 103, Modena
Apertura:
Da sabato 20 marzo a domenica 18 luglio 2010
Orari:
Fino al 4 maggio 2010 martedì - venerdì 10,30 - 13,00; 16,00 - 19,00. Sabato, domenica e festivi 10,30 - 19,00. A partire dal 5 maggio 2010 mercoledì - venerdì 10,30 - 13,00; 16,00 - 19,30. Sabato. Domenica e festivi 10,30 - 19,30
Prezzo:
Ingresso gratuito

Alla scoperta del mondo animale. Mitologia, mostruosità, bizzarrie. 

E' possibile, oggi, che il fascino nei confronti del mondo degli animali (spesso reinterpretato in chiave simbolica e allegorica, arricchito di credenze religiose e di componenti fantastiche, proiezione di vizi e di virtù umane) possa essere ancora capace di rappresentare e di esprimere l'universo dell'irrazionale, del mistero, o più semplicemente, dello svago e del divertimento?

Questo è il tema principale della mostra "Pagine da un Bestiario fantastico. Disegno italiano nel XX e XXI secolo", grande appuntamento espositivo della Galleria Civica di Modena, organizzato in collaborazione con la Raccolta del Disegno Contemporaneo e la Fondazione Cassa di Risparmio di Modena.

Assisteremo a un viaggio, a un percorso che simbolicamente comincia con i bestiari, i compendi medioevali che raccolgono descrizioni e disegni di animali, veri o immaginari: da animali come lucertole, rinoceronti, scimmie e insetti, protagonisti di storie artistiche, letterarie e poetiche, fino ad arrivare a draghi e unicorni, mostri marini e impossibili ibridi, nati con le leggende e frutto della fantasia dell'uomo. Saremo spettatori di una mostra che si ispira e si misura con questo patrimonio culturale, questo ricco catalogo di creature fantastiche che ha popolato l'immaginario degli artisti fin dal medioevo, e lo ripercorreremo attraverso le ricerche artistiche di autori italiani contemporanei, capaci di trasportarci in un mondo denso di significati simbolici e di suggestioni.

Il percorso espositivo raccoglie circa centocinquanta opere su carta, disegni e installazioni grafiche, che coprono quasi un secolo di arte visiva. Si tratta di una selezione studiata di opere che si riuniscono intorno ad alcune macrocategorie: l'animale come elemento della natura e pertanto oggetto di osservazione, descrizione e catalogazione; l'animale come simbolo ed elemento di proiezione dell'animo umano, con possibili digressioni nel demoniaco; l'animale come figura mitologica in relazione alla tradizione letteraria; l'animale come metamorfosi, toccando le tematiche dello zoomorfismo, della mostruosità, del fantastico e del surreale.

L'itinerario tematico si articola in un percorso che interessa tutte le sale di Palazzo Santa Margherita, sviluppandosi in due grandi sezioni. Nelle Sale Superiori, la parte più prettamente storica, con opere e inediti di maestri del disegno italiano e di autori fondamentali nel panorama dell'arte del XX secolo, provenienti da collezioni pubbliche e private del nostro Paese e affiancate da un nucleo di opere significative della Raccolta del Disegno Contemporaneo della Galleria Civica di Modena. Impossibile non ricordare i cavalli davanti al mare e gli insetti metafisici di Giorgio de Chirico, gli studi per le formelle della porta del Duomo di Milano di Lucio Fontana, la natura morta con civetta di Afro, la lucertola di Mario Merz, i disegni con motivi decorativi ispirati alla Grecia classica di Gastone Novelli; e ancora le mitologie rivisitate nel minotauro di Wainer Vaccari, i personaggi favolistici di Luigi Ontani, sospesi tra mito e sogno, le enigmatiche metamorfosi di donne alate e i gatti creati da Vettor Pisani, gli angeli ribelli, con ali, corna e coda di Osvaldo Licini. Tra gli artisti spiccano inoltre Gino Severini, Roberto Barni, Enzo Cucchi, Sandro Chia, Enrico Baj, Davide Benati, Concetto e Mario Pozzati, Luca Caccioni, Bruno Ceccobelli, Cesare Peverelli, Alberto Morandi e Omar Galliani.

La seconda sezione di mostra, ospitata in Sala Grande, è dedicata invece all'interpretazione del mondo animale da parte di giovani artisti, selezionati tra quelli più significativi in ambito nazionale, chiamati a dialogare con i maestri del passato con opere di grande formato e installazioni realizzate ad hoc. Uno spazio importante, dunque, riservato anche alla sperimentazione e alla creatività di nuova generazione. Tra le opere presenti vi sono la donna barbuta di Alessio Bogani, gli animali impossibili - esito della combinazione zoomorfa tra esseri umani e animali - di Giuliano Guatta, il dialogo con gli animali ai piedi dell'albero del mondo di Claudia Collina, il bestiario underground di Helga Franza, le "scappatelle selvatiche" e gli incroci immaginari di Laura Serri; e poi ancora il lavoro a quattro mani di Ericailcane e Stefano Ricci, basato sul tema dello specchio, i paesaggi immaginari di Francesco Simeti e gli animali primitivi di Claudia Losi.

Mostre a Bologna e regione: Pagine da un bestiario fantastico a ModenaLa rassegna, in esposizione fino al 18 luglio 2010, è a cura di Silvia Ferrari, Serena Goldoni e Flaminio Gualdoni.

L'inaugurazione si terrà sabato 20 marzo alle ore 18:30 presso il Palazzo Santa Margherita, in corso Canalgrande 103 a Modena, con la presenza di molti artisti e performer invitati a partecipare.

A partire dalle 22:00 è in programma Animal Party, un evento che si terrà in Sala Grande, tra le opere esposte, nel corso del quale sarà presentato un live set ad opera di Deer, artista e dj tedesco, e Suicase, a cui è affidata la parte visual della serata con immagini ideate per l'occasione. Animal Bar by Juta Cafè. L'ingresso è libero.