Eventi a Bologna con il Progetto Mambo

The hole 3D

Regia: Joe Dante
Cast: Chris Massoglia, Haley Bennett, Nathan Gamble, Teri Polo, Bruce Dern
Genere: Thriller
Durata: 98 min.
USA, 2009

Il papà dei Gremlins sperimenta la terza dimensione

The hole 3D, film di Joe Dante, cinema Bologna 11 GiugnoDue fratelli, Dane e Lucas, si trasferiscono da Brooklyn in una piccola cittadina della provincia americana, dove la madre, per fuggire alle continue molestie dell'ex marito violento, ha appena trovato lavoro come infermiera. I due fratelli, uno curioso e vitale, e l'altro perennemente inquieto, fanno amicizia con la nuova vicina di casa, Julie. Un giorno, durante un litigio in cantina, i tre ragazzi scovano una strana botola tenuta chiusa da sei lucchetti. Incuriositi, non esitano ad aprirla scoprendo un pozzo apparentemente senza fine. Quel buco profondo nasconde una forza maligna che ha la capacità di rendere vive e pericolosamente reali le personalissime paure di ciascuno. Il buco non è altro che il solco fisico del loro inconscio, e i ragazzi verranno messi di fronte ai loro incubi: il fratello minore è perseguitato e tormentato da sadici folletti, Dane deve fare i conti con il fantasma del padre e Julie è angosciata dalla presenza di una cupa bambina.

Chi conosce Joe Dante lo ricorda per alcuni episodi da lui diretti nella serie Twilight Zone (Ai confini della realtà) ma soprattutto per averci divertito con piccole chicche cult come i Gremlins, o il meno famoso L'erba del vicino, per non dimenticare Small soldiers.

Il regista dei piccoli mostriciattoli che si moltiplicano a contatto con l'acqua torna al cinema con The Hole 3D, un horror sceneggiato da Mark L. Smith (Vacancy) e presentato fuori concorso al Festival di Venezia 2009 (dove Dante era presente anche in qualità di giurato) e all'apertura bolognese del Future Film Festival. Nel 2003 Dante si era già confrontato con la tecnologia 3D, con un cortometraggio realizzato per un parco divertimenti e scritto da R.L. Stine, il creatore della serie Piccoli brividi. The Hole sembra provenire da lì, da uno di quei racconti del terrore per ragazzi, lavorando sull'idea di una dimensione parallela e oscura dalla quale si formano quelle paure legate all'infanzia che bisogna imparare a combattere.

Estimatore del genere horror anni '50, già a partire dal titolo, Joe Dante dichiara il suo omaggio ai B-Movie per ragazzi e in primis al suo personale cinema, attraverso un'operazione meta cinematografica. Come in Gremlins, il protagonista è un ragazzo (a proposito, in The hole 3D c' è un breve cameo del caratterista americano Dick Miller, presente in Gremlins) alle prese con il terribile (anche se grottesco...) che si annida nell'ambiente domestico. Poi naturalmente il topos del "buco nero" come metafora dell'inconscio fatto di paure rimosse, e infine, il "deja-vù" di un thriller di Nick Hamm: Martha da legare.

Unica nota di modernità, anche se attualmente fin troppo inflazionata, è l'uso della stereoscopia: effettivamente l'immagine del "buco nero" si presta particolarmente bene al 3D. In questo caso la dimensione di maggior interesse non è la quarta parete, attraverso la quale oggetti e figure sembrano gettarsi minacciose verso di noi, quanto piuttosto la profondità all'interno del fotogramma: con l'uso del 3D la discesa nel "buco nero" si connota di una maggiore concretezza.

 

Al Cinema:

UCI Cinemas Meridiana 9 - Via Aldo Moro, 14 (Casalecchio di Reno) - 892 960 -
Orari: 17:50 20:15 22:40

Capitol 1 - Via Milazzo, 1 - 051 241002 -
Orari: 16:30 18:30 20:30 22:30

Medusa Multicinema 2 - Viale Europa - 051 9379001 -
Orari: 18:05 20:20 22:35